Gli Script sono disabilitati sul tuo browser. Per poter utilizzare la totalità delle funzionalità offerte dal sito gli script devono essere abilitati sul browser. Controllare la sezione Aiuto del proprio browser su come abilitare gli script.

Sviluppare applicazioni basate sui dataset presenti nel catalogo

Interrogare il servizio dati

Il servizio dati espone (per default) dati in formato REST. La sintassi base di una query al servizio è la seguente http://[project].cloudapp.net/v1/[container]/[dataset]?[query], dove:

  • project (es. opendatasalute)
  • container è il nome del contenitore dei dati (per esempio, "Infrastrutture" per i dataset riguardanti le Infrastrutture).
  • dataset è il nome del dataset (per esempio, "AziendeSanitarieLocali" per il dataset degli AziendeSanitarieLocali appartenente al contenitore opendatasalute).
  • query è l'insieme dei parametri di interrogazione, espressi utilizzando un sottoinsieme della sintassi WCF Data Services query syntax.

Il servizio dati supporta unicamente i parametri di interrogazione $filter e $top. Un esempio di query basata sul dataset degli AziendeSanitarieLocali è disponibile nella pagina Catalogo Dati.

Si noti inoltre che se una proprietà all'interno dei dati di una particolare entità presenta un valore null, verrà omessa dall'insieme dei risultati restituito. Ad esempio, nel dataset dei Crimini, la proprietà "method" viene restituita per i soli record che dispongono di un valore nel dataset sottostante. Le applicazioni devono quindi tenere in considerazione questo funzionamento e devono gestirlo correttamente.

Formato dati

AtomPub

Per default, il servizio dati restituisce i dati nel formato Open Data Protocol (OData)Open Data Protocol (OData) . Questo formato estende il formato Atom Publishing Protocol largamente adottato, e può essere facilmente letto da diverse piattaforme, incluse Microsoft .NET, Java, Ruby, PHP, e Python. Fare riferimento agli esempi riportati nella pagina Catalogo Dati.

JSON

il servizio dati può restituire dati in formato JavaScript Object Notation (JSON), facilmente interrogabile attraverso JavaScript e altre tecnologie. Per restituire i dati nel formato JSON, aggiungere nella query string il parametro format=json. Ad esempio:

http://opendatasalutedata.cloudapp.net/v1/datacatalog/AziendeSanitarieLocali/?$filter=denominazioneazienda eq 'RM/A' &format=json

JSONP

Tipicamente i Browser Web inibiscono l'esecuzione di scrpit lato client che originano chiamate a url di un altro dominio, al fine di mitigare vulnerabilità della sicurezza derivanti da attacchi cross-site scripting. (ad esempio, miodominio.com) non può eseguire chiamate HTTP ad un altro dominio (per esempio, altrodominio.com). Questo potrebbe inibire pagine ospitate in altri domini dall'eseguire chiamate http al servizio dati sfruttando tecniche client, tuttavia esiste un'ampia serie di possibilità per evitare il problema, ad esempio la tecnica IFRAMES-based.

Il servizio dati può restituire i dati attraverso la tecnica JSONP. Utilizzando questa tecnica, il servizio dati richiamerà una funziona di callback specificata dal chiamante, restituendo il risultato della query in formato JSON. Per utilizzare questa tecnica, predisporre una query con i seguenti parametri: format=json&callback=metodoDiCallback, metodoDiCallback è il nome della funzione JavaScript di callback definita nella pagina richiedente.

Fare riferimento agli esempi JavaScript nella pagina Catalogo Dati. Nell'esempio, la funzione AdditionalDataLoaded() è la callback JSONP.

RDF

Il servizio dati può restituire i dati in formato RDF (Resource Description Framework). RDF è un modello a grafo per descrivere formalmente le risorse web e le loro associazioni. Sviluppato da W3C, RDF si basa su un linguaggio semantico pensato per il Web. Per restituire i dati in formato RDF, aggiungere il parametro format=rdf alla query string:

http://opendatasalutedata.cloudapp.net/v1/datacatalog/AziendeSanitarieLocali/?$filter=denominazioneazienda eq 'RM/A' &format=rdf

Dati Geospaziali

Alcuni dati possono includere informazioni geospaziali, restituite nel formato Keyhole Markup Language (KML). Questo formato è compatibile con le più popolari tecnologie per la gestione delle mappe sia desktop che web, incluse Microsoft Bing Maps, Google Maps, Yahoo! Maps, Google Earth.

Per ottenere i dati geospaziali in formato KML, aggiungere il parametro di query stirng format=kml. Ad esempio:

http://opendatasalutedata.cloudapp.net/v1/datacatalog/AziendeSanitarieLocali/?$filter=denominazioneazienda eq 'RM/A' &format=kml

Si noti che, se i dataset che si sta utilizzando non contengono dati geospaziali, una query KML al servizio ritornerà un risultato vuoto.

Paginazione

Il servizio supporta la paginazione, per poter gestire un elevato numero di dati. Fare riferimento al documento Query Timeout and Pagination una descrizione completa in merito al supporto alla paginazione. Potete inoltre fare riferimento a gli esempi riportati nella pagina di esempio "C#/ASP.NET Paging" Catalogo Dati, che spiega come realizzare una query paginata utilizzando le librerie cliente per WCF Data Services.

Librerie client

Gli sviluppatori possono utilizzare differenti tecnologie per accedere l'endpoint applciativo:

.Net: WCF Data Services
.PHP: Toolkit for PHP with WCF Data Services
Java: Estensioni REST Java per WCF Data Service

Il servizio dati è esposto e ospitato per mezzo della piattaforma Microsoft Windows Azure Platform.

Cliccando Preferiti e Condivisione, si aprirà una nuova finestra che vi consentirà di salvare la pagina nei preferiti.